sabato 4 febbraio 2012

olivette di S. Agata

Le olivette di S. Agata sono dolcetti a base di mandorle e zucchero colorati di verde e preparati a Catania in occasione della festa della patrona.
La leggenda narra un episodio durante il martirio della santa: " mentre era ricercata dai soldati di Quinziano, nel chinarsi per allacciare un calzare, vide sorgere davanti a se una pianta di olivo selvatico che la nascose alla vista delle guardie e le diede i frutti per sfamarsi."
La preparazione delle olivette è molto semplice e si conservano a lungo, occorrono:
250 gr mandorle sgusciate e pelate
250 gr zucchero
colorante verde per dolci
2 cucchiai di rum
zucchero per guarnirle oppure cioccolato fondente per ricoprirle.
Mettere in un robot da cucina le mandorle, metà dello zucchero e frullare finchè si otterrà un composto finissimo; porre in una casseruola lo zucchero rimasto con due cucchiai di acqua e lasciare cuocere su fuoco dolce finchè farà il filo, circa dieci minuti. Togliere dal fuoco lo sciroppo di zucchero e incorporarvi l'impasto di mandorle,  il rum e il colorante, quindi lavorare bene il composto finchè sarà tutto bene amalgamato.
Formare dei bastoncini, tagliarli a pezzetti e con questi ultimi formare le olivette che verranno rotolate nello zucchero semolato oppure, aiutandosi con uno spiedino di legno rotolare le stesse nel cioccolato fondente sciolto a bagnomaria e lasciare asciugare.

9 commenti:

Andreina ha detto...

golosona!!!!!
magari te le sei mangiate tutte queste olive golose.......

Paty ha detto...

Passa da me c'è un premio per te!
baci e fusa
Paty

Elisa 2011 ha detto...

Mi stuzzichi con le tue prelibatezze, sei una tentatrice, lo sai che non resisto, o vengo ad assaggiarle da te o me le preparo..........

sbrenzola ha detto...

Dolce e alcool, manca il s...o e il rock e siamo al completo, in settimana provo

aurelia ha detto...

Che buone! A me piacciono moltissimo, come tutti i dolci a base di pasta di mandorla. Ma tu sei di Catania?

mamanluisa ha detto...

grazie a tutte
un grazie particolare a Paty che mi ha assegnato un premio
per Aurelia: sono catanese e vivo nella mia città

Rosetta ha detto...

Sono veramente belle e invitanti.
Le ho assaggiate ma erano di pasticceria.
Mandi

sississima ha detto...

Dolci? Accipicchia sembrano proprio olive, sono perfette! Un abbraccio SILVIA

Miriam ha detto...

mmmmmm...che bontà...menomale che non riesco a prenderle hahahaha
ciaoooooo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...